Il Montefeltro

Montefeltro – panorama

 

Il Montefeltro è una regione storica dell’Italia centrosettentrionale a cavallo tra Marche (prov. Pesaro-Urbino), Emilia Romagna (prov. Rimini), Toscana (prov. Arezzo) e la Repubblica di San Marino.
E’ un territorio prevalentemente montuoso e collinare, con valli boscose che si interrompono in bruschi scoscendimenti, ricchissimo di trascorsi storici le cui testimonianze si ritrovano in numerosi castelli, rocche, torri, piccoli paesi interamente fortificati e chiese ricche di opere d’arte.

Macerata Feltria si trova al centro del Montefeltro e da qui è facile raggiungere ogni giorno un luogo diverso da visitare.

 

San Leo – Montefeltro

San Leo (23 km)

San Leo sorge su uno sperone di roccia con le pareti a strapiombo sulla valle del Marecchia.
La sua splendida fortezza (sec. XV), opera di Francesco di Giorgio Martini, domina la valle dalla sommità della rupe inacessibile. Il Conte di Cagliostro finì i suoi giorni in una cella del Forte.
Nel centro storico le due meravigliose chiese, la Pieve e il Duomo rispettivamente dell’XI e XII secolo e la torre civica.

 

 

San Marino – Montefeltro

San Marino (25 km)

Sul Monte Titano, a pochi chilometri dalla riviera romagnola, sorge la più antica repubblica d’Europa fondata nel lontano 301 d.C. e cioè la Repubblica di San Marino, uno stato completamente indipendente  basato sul principio della democrazia.
Il panorama dalle rocche è incredibile: una terrazza con la splendida vista fino al mare da una parte, e sull’antica Repubblica dall’altra.
Lungo la passeggiata tra le vie, piazze e chiese, si incontrano i mille negozi che rendono san marino famoso per lo shopping.

 

Pennabilli – Montefeltro

Pennabilli (24 km)

Pennabilli è felicemente ubicata al centro di un maestoso anfiteatro naturale nell’Alta Valmarecchia: scorci naturalistici e ambientali di primordiale fattezza; paesaggi dominati da un’ alternarsi di coltivi, boschi, prati, punteggiati di campanili torri, grappoli di case insediamenti a castello.
Da quarant’anni Pennabilli presenta, nel mese di luglio, la Mostra Mercato Nazionale d’Antiquariato, una fra le più importanti rassegna in Italia, cui hanno fatto seguito centri di restauro e botteghe antiquarie.
A cavallo di maggio e giugno in tutta la città si svolge il Festival internazionale d’arte di strada “Artisti in piazza” che, con i suoi fantastici spettacoli di teatro, musica, giocoleria, circo e danza, richiama ogni anno migliaia di visitatori.

 

Urbino – Montefeltro

Urbino (32 km)

Dal 1998 il suo centro storico è patrimonio dell’umanità UNESCO. E’ la città marchigiana più famosa nel mondo, nota per essere stata insieme a Firenze la culla del Rinascimento. Celebre è il suo Palazzo Ducale, sede della Galleria Nazionale delle Marche, che raccoglie una collezione di opere d’arte di artisti importantissimi fra cui: Raffaello Sanzio, Piero della Francesca, Paolo Uccello ed altri illustri nomi. Città natale di Raffaello Sanzio, deve la sua fama al grande condottiero Federico da Montefeltro che fece della cultura uno stile di vita, grazie a lui infatti, conobbe nel XV secolo un periodo di splendore artistico e culturale unico, diventando punto di riferimento di tutta la civiltà occidentale.

 

Urbania – Montefeltro

Urbania (24 km)

Cittadina ricca di monumenti, posta al centro dell’alta valle del Metauro (62 km dal mare), lambita per tre lati dal fiume che scorre a ridosso delle antiche mura.
Presenta all’interno del nucleo storico costruzioni di vari periodi, più d’uno di notevole pregio architettonico. Fra tutte emerge la vasta mole del Palazzo Ducale (sec. XV-XVI), già appartenuto ai Brancaleone, primi feudatari di Casteldurante, e poi residenza dei Montefeltro e dei Della Rovere e oggi sede della Biblioteca Comunale, degli Archivi Storici, del Museo Civico e del Museo della Civiltà Contadina. Fra gli edifici sacri vanno ricordate la chiesa dei Morti con bel portale gotico e il macabro ‘Cimitero delle mummie’, la rinascimentale chiesa del Corpus Domini, la barocca chiesa di S.Caterina, la settecentesca chiesa di S.Francesco e la coeva Cattedrale con annesso Palazzo vescovile, oggi sede del Museo Diocesano.
Proprio qui tutti gli anni si svolge la famosissima Festa Nazionale della Befana.

 

Sassocorvaro – Montefeltro

Sassocorvaro (8 km)

Celebre è la Rocca Ubaldinesca che ha visto l’intervento dell’architetto senese Francesco di Giorgio Martini. Questa rocca fu la sede del salvataggio di oltre 10.000 capolavori d’arte provenienti da varie città d’Italia (tra cui la Tempesta del Giorgione, la Città ideale e molte altre opere di famosi artisti tra cui Raffaello Sanzio, Piero della Francesca, Carlo Crivelli, Tiziano, Lorenzo Lotto, Paolo Uccello, Andrea Mantegna) che furono nascoste negli anni 1943-1944 dal Sovrintendente alle belle arti di Pesaro e Urbino, Pasquale Rotondi, per evitare che fossero trafugate dai nazisti in fuga verso la Germania.
A valle dell’abitato, nei pressi della frazione Mercatale, si trova un lago artificiale creato grazie alla costruzione di una diga che sbarra il corso del fiume Foglia. La diga è stata costruita negli anni cinquanta. Attorno al lago  si trovano luoghi freschi e boscosi, ideali per passeggiate e scampagnate.

 

Piandimeleto – Montefeltro

Piandimeleto (12 km)

Cittadella sviluppatasi nel ’300, caratterizzata dal Castello dei Conti Oliva dalla mole merlata e rosseggiante.
Di estremo interesse il centro storico, con la Chiesa monumentale di S. Agostino affrescata nei secoli XV e XVI, i vicini centri di Monastero, con la sua abbazia Benedettina e Santa Maria del Mutino, e di Cavoleto, panoramico borgo medievale che conserva nell’oratorio della cappella un affresco cinquecentesco di scuola raffaellesca.
Non distante vi è la località di San Sisto, sede di un’aula verde, centro immerso nella natura del Monte Carpegna che permette interessanti passeggiate. Tra settembre ed ottobre, vi si tiene anche una festa del fungo.
La visita d’obbligo al castello consente di ammirare l’interno di un’antica dimora signorile perfettamente conservata, ora sede di due Musei.

 

Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello

Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello

Il Parco Naturale interregionale del Sasso Simone e Simoncello, compreso nell’antico territorio del Montefeltro, dista 40 km dalla costa romagnola. Il paesaggio, collinare-montuoso, è interessato dai rilievi dei Sassi Simone e Simoncello, Monte Canale, Monte Palazzolo con quote comprese tra i 670 m s.l.m. e i 1415 m s.l.m. del monte Carpegna, vetta del parco e spartiacque tra la Valle del Foglia e la Val Marecchia.
All’interno del parco è possibile effettuare escursioni sia a piedi che a cavallo, alla scoperta dell’ambiente circostante, della sua flora e della sua fauna. Per maggiori informazioni: Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello.